3730 visitatori in 24 ore
 232 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



Duilio Martino

Duilio Martino

Nato a Fraine (Ch) il 27.12.1957. Scrivo per puro diletto; i particolari sulla mia Vita li ometto... tanto interessano a nessuno.
La poesia per me è il perfetto connubio tra pensiero, emozione e musicalità. La Poesia è nell'aria, nelle cose che ci circondano, il Poeta la coglie ... (continua)


La sua poesia preferita:
Ritorno a Fraìne
Ed è col nodo in gola
che mi ritrovo,
quando il furore dell'inverno
non ha più foglie da strappare al frassino,
da solo
dentro al borgo
tra spire della notte a ritritare sassi.

La regia torre
caparbiamente insiste a rammentarmi...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Ustica, l’ultimo volo
Lampi oscuri e poi tenebre:
i brividi a vent’anni quando eventi
efferati sfrattarono gli effluvi
da immacolate menti.

Gli sguardi raggelati, di fulgente
sulla pelle il sudore
e lo stupore nei pigli approdati
allo sfascio ferente.

A denti...  leggi...

L’anima nel borgo
Ti cercherò, anima mia,
in lembi rugginosi di cielo a novembre
quando da piane saliranno canti
delle fragili foglie, degli augelli migranti
e del mite Ponente,
che ultimato l’assalto a fronde,
si farà brezza
per posare i profumi tra crespe
di...  leggi...

Utopìa - 17 marzo 1891
Miraggio d’una ignota ambita sponda
fu spento dal modesto navigare
un urlo soffocato in spuma d’onda
le miserande spoglie sparse in mare.

Trafitto in rada a picco il ferro leso
del ventre d’Utopia colma e ingorda
resta al vespro un pensiero sempre...  leggi...

Amarcord infinito
Ricordi?... Aironi noi
a disegnare i sogni, con gli Dei,
in cieli verdi sopra ai cari tetti...
e ancor più in alto, come aquile poi,
in un volo avventato oltre le nuvole
violando bianche vette.

A te, mio caro amico,
che hai saputo spronarmi e...  leggi...

Occhieggiavano le stelle
Solo afflati flagranti armonizzavano
il mattino, alle morbide
occhiate si arricciava
la pelle e dalla volta vellutata
sbirciavano occhieggiando mille stelle
per, tremule, sfumare in luce aurata
che irraggiava il giardino.

Oggi non v'è...  leggi...

La terra ora tace - Sonetto
Fumigavano gli agri, allegri canti
sortivano dagli orti, storni e tordi
affollavano frassini e festanti
pargoli s’ingegnavano in bagordi.

Fumigavano menti dei migranti
sognando antichi borghi, giammai sordi
agli echi di puerizie giubilanti
- ben...  leggi...

Il profumo della pioggia
Non ricordo l’odore della pioggia
non ho memoria del canto del vento
pigro soggiaccio ed avvinghiato all’oggi
nella comoda alcova al volo stento.

Manco mi smuove rilambire mete
e issato a riva il gran pavese - a festa -
più d’altro turba l’umida...  leggi...

E poi tu
Vorrò librarmi con queste ali stanche
inerpicarmi sulle irsute chine,
varcare passi e sulle cime bianche
suggere manna sopra ai sassi - a sera -
quando già l'ombre insidieranno il giorno
e colerà neve sul buon cammino.

E poi...  leggi...

Sogno sul mare del Vasto
E’ tardi! Incombe già la fresca sera
la luce del crepuscolo solerte
con gli ocra i bei vermigli e gli ori adagia
in acque rivierasche ora deserte.

Su seta gli ornamenti del tramonto
la brezza lo accarezza il gentil velo
bisbiglia anche il trabocco...  leggi...

Madre
Ti sento
- oh Madre -
ora che osservo il mare
e del mare l'onda che s'infrange e...  leggi...

Duilio Martino

Duilio Martino
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Ritorno a Fraìne (06/01/2014)

La prima poesia pubblicata:
 
Fumose tracce (29/11/2010)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Haiku 8 (05/02/2018)

Duilio Martino vi consiglia:
 L’eco del vespro ...al mio paese (26/01/2012)
 Cercami (24/06/2012)
 Gagliardo Abruzzo menzognero (04/02/2012)
 Lacrima il cielo sui borghi d'Abruzzo! (10/05/2012)
 Femminicidio! (25/11/2012)

La poesia più letta:
 
Il mio grazie (saluto di commiato per il pensionamento) (03/07/2011, 9934 letture)

Duilio Martino ha 10 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Duilio Martino!

Leggi i 3678 commenti di Duilio Martino

Le raccolte di poesie di Duilio Martino

Duilio Martino su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 06/09/2018
 il giorno 20/05/2016
 il giorno 21/06/2014
 il giorno 06/12/2012
 il giorno 30/11/2011

Autore della settimana
 settimana dal 02/03/2015 al 08/03/2015.
 settimana dal 20/01/2014 al 26/01/2014.
 settimana dal 23/07/2012 al 29/07/2012.
 settimana dal 20/02/2012 al 26/02/2012.

Duilio Martino
ti consiglia questi autori:
 Antonio Biancolillo
Angela Fragiacomo
 Annamaria Barone
EnzoL
 santo aiello

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Duilio Martino? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Duilio Martino in rete:
Invia un messaggio privato a Duilio Martino.


Duilio Martino pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Istinti e peccati

Luigi Capuana fu uno scrittore, critico letterario e giornalista italiano tra i più importanti del Verismo. Tra le (leggi...)
€ 0,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

Considerazione dell'autore
«Abruzzo Terra amata e ospitale ... Terra di formiche (emigranti), Terra di montagne emarginate.
S’implora che cambi qualcosa... restano speranze e ricordi di fasti lontani... L’utopia che si possa smettere di vivere di avanzi (fumi di comete) la rabbia che vorrebbe far crollare quel cielo infausto e cupo... sotto il quale ci han condotto i Generali privilegiando il mare e la costa a spese dei popoli montani.
»
Inserita il 05/10/2018  

Duilio Martino

Le mie radici (abruzzesi)

Ribellione
Si! Vivo e sostenuto saldamente
dalle radici poderose mie
conscio che ciò da cui succhio alimento
mi darà pure eterna prigionia.

Si! Io vivo avvinghiato al ventre leso
d’una trepida terra un po’ puttana
robusto cerro ancora acerbo offeso
di formiche operose smessa tana.

E voglio dirlo, voglio urlarlo "T’amo...";
poche foglie, ingiallite,
dal tempo rattrappite,
come sogni scaduti appesi ai rami.

Respiro gli echi di lune lontane,
l’urlìo dell’alba, il sole sulla pelle,
i tramonti e le stelle...
poi quiete oscura - il durissimo pane -.

Sempre aggrappato al suo pietroso grumo
si spoglia tiglio tra guglie di rame
dove la luce di comete è fumo
e un cosmo grasso dispensa cascame.

E maledico millè volte il cielo
per l’ampio tempo di buio apicale
vivo utopie e vanamente anelo
che il vento cambi sul mondo rurale.

Il duro inverno inasprisce la via
ma scanso i sassi e non lascio che sia
anche se i corvi già affollano i rami
pronti a spolparmi nel plumbeo domani.




Duilio Martino 13/01/2012 22:09| 17| 4452 4099


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Copia Conforme - antonio alberto fiorino
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.


 

I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Versi che trasudano amore e passione per la propria terra d'origine ma anche l'amarezza per come sia stata trascurata e oltraggiata dai politici... Ma oggi sappiamo bene, ahimè, come la classe politica abbia trascurato l'intera Italia pensando solo ad arricchirsi...
La poesia è scritta con forte veemenza espressiva e pertanto coinvolge inevitabilmente il lettore facendolo immedesimare perfettamente nella situazione descritta.
Complimenti all'autore!»
Club ScrivereCinzia Gargiulo (06/05/2012) Modifica questo commento

«Un bel racconto poetico. Da vera abruzzese non posso che soffermarmi ad ammirare le immagini dell'anima che questo poeta descrive con abile intento. Terra amara quanto travagliata dalla politica e dai falsi compianti. Stile degno della lode. Lirica apprezzata.»
Violeta C (30/04/2012) Modifica questo commento

«Accorato grido di giustizia dell'Autore verso chi delude la società i sogni l'eguaglianza... con profondo amore per la sua terra, sempre accorto nei versi l'autore esprime la sua forza di resistere e spera in un futuro più libero e concreto per la sua terra natia... molto sentita e condivisa complimenti»
antonio alberto fiorino (29/04/2012) Modifica questo commento

«Un bel pezzo di storia di un popolo antico che ritorna nei tuoi versi così avvincenti ed anche tristemente reali che analizzano un popolo in degrado. Ma la speranza è sempre ultima a morire ed il poeta non ha altre armi in propria difesa se non la speranza, che è sempre ultima a morire.»
Salvatore Armando Santoro (29/04/2012) Modifica questo commento

«Ricollegandomi al commento al commento di Moreno Tonioni, vedo una disillusione a partire dalla prima strofa, già con l'accostamento tra le radici che dan nutrimento e "l'eterno prigionia". Non per fuorviare ma l'immagine della puttana mi ricorda un film sul prefetto Mori ove tal meretrice era definita la mafia. Onore alle migranti formiche! L'Abruzzo come quercia è una silmilitudine azzeccatissima. I sogni scaduti son anche quelli dei giovani under 30! Il crollo stellare sul limaccioso cascame ce lo amo in tanti...»
Copia Conforme (29/04/2012) Modifica questo commento

«mi hai toccato profondamente il cuore... da abruzzese e da persona... hai saputo dire della nostalgia e del rimpianto come nessuno... m'hai commosso alle lacrime. Grazie!»
Barbara Golini (16/01/2012) Modifica questo commento

«A volte davvero ciò che è nutrimento diventa prigionia, in tante situazioni della vita. Questi versi si applicano a più concetti e stati dell'anima e vi si possono cogliere svariate sfumature. Direi che sono versi su cui riflettere... Bellissimi e di grande potenza.»
Laura Maira (16/01/2012) Modifica questo commento

«Significativa la metafora dell'albero attaccato alla sua zolla con la forza delle radici, questi versi sono quasi un grido d'amore, una preghiera per questa terra che porta impresse le sue ferite e gli avvoltoi aspettano... splendidi versi forti e ben stilati, veicolano al lettore i sentimenti del poeta nella loro tragica evidenza. Complimenti!!!»
maria cavallaro (16/01/2012) Modifica questo commento

«Come un albero, attaccato da robuste radici alla terra ma anelante alla libertà di cieli limpidi... metafora di una situazione di profondo disagio dell'uomo diviso fra la passione per la patria e la sofferenza nel vederla lacerata da avidi avvoltoi. Stupenda poesia.»
Donatella Pezzino (15/01/2012) Modifica questo commento

«amore passione e difesa per le proprie radici si sentono in questi versi con metafore sublimi... difesa di una terra trascurata e sfruttata da persone ignobili... e poco interessate a valorizzare il territorio tanto amato dal Poeta... Si sente l'accorato appello. Aprezzatissima la conservo»
Club Scrivereemmalisa lucchini (15/01/2012) Modifica questo commento

«una poesia così passionale, nel senso più completo del termine, dove passione è anche profondo dolore, per una terra, sfruttata... ma quale terra non è così...sfruttata, maltrattata, abusata...
dove vi sia l'uomo, c'è speculazione... e purtroppo duole constatare, anche servilismo...
non mi dilungo... poiché il testo è così pregno d'emozione e significato che mi risulta impossibile soffermarmi su tutto...
Lo stile impeccabile riesce a rendere piacevole avvincente e scorrevole anche una lettura "lunga" ed impegnativa, dato il tema trattato...
Ammirata!»
Angela Fragiacomo (15/01/2012) Modifica questo commento

«Dire che è una poesia magnifica è sminuire questo scritto, dire che è superba e piena di cuore, che le metafore sono un incanto e che ti prende dalla prima all'ultima riga no, non è abbastanza. Qui c'è passione, c'è amore, c'è forza ed orgoglio delle proprie radici, c'è il desiderio di difenderle e proteggerle o di morire con esse, e quegli avvoltoi non troveranno un pasto facile, ma dura carne che diventa corteccia ed alberi e pietre, e case che sembrano arrampicate su costoni di rocce e non crollano nonostante il tempo e l'incuria, ed acqua che sgorga ed arriva dal profondo, dall'origine, dal centro del mondo. Su tutte la seconda strofa è un capolavoro.»
Club ScrivereAnnamaria Barone (15/01/2012) Modifica questo commento

«da sempre questo Autore eccelle nel suo verseggiare..., ma quando parla della sua terra diventa sublime...
nelle sue ribellioni per un territorio trascurato sia ambientalmente che socialmente...
grande verseggiare ...»
EnzoL (14/01/2012) Modifica questo commento

«Appassionata, fiera, accorata, toccante. Un applauso all'Autore.»
Fiammetta Campione (14/01/2012) Modifica questo commento

«L'amore che l'autore nutre per la sua terra esonda con generosità nelle parole del poeta.
Dire che il Martino sia poeta è pleonasmo col quale volutamente vi tedio.
L'autore si mostra attento alle tematiche sociali che affliggono la geldra d'appartenenza, e con la sua colta lirica esterna fatti e accadimenti con tono talvolta di melanconica amarezza e talvolta di denuncia senza mai cadere nel baratro del compiangimento.
Questo elaborato come altri del medesimo autore, si presenta ottimamente strutturato sul circolo di una raffinata e studiata ricerca che nel tempo produce crescita e ricchezza individuale.
Il Martino è in ascesa e chissà... forse un giorno ci saluterà dall'alto di quella vetta che tutti noi ambiamo.»
Club ScrivereMoreno Tonioni (14/01/2012) Modifica questo commento

«Talmente è forte quanto sente l’autore donando questi versi che in quel “vivo” si riesce a vedere, sentire ben altro e forse non basterebbero fogli A4 per esporre quanto si nasconde fra le righe. Apprezzatissima.»
Club ScrivereBerta Biagini (14/01/2012) Modifica questo commento

«forse è anche colpa della politica che non sa valorizzare le risorse montane della regione,, ancor più grave è grave e che si dimenticano così antiche tradizioni, accade anche nella mia regione, complimenti accorata riflessione, piena di dignità»
Citarei Loretta Margherita (14/01/2012) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Chi ha letto questa poesia recentemente ha anche letto:
di

Selezione per pubblicare un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN gratuito? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici? Sottoponetelo alla nostra selezione. (Scadenza di questa offerta: 30 giugno)
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Ribellione
Incongrua terra (sonetto)
Cecità (ode barbara)
Azzurri sudati
Rovi nei prati
Tempi da lupi (sestina lirica)
Terra madre (sonetto)
Venti di guerra
Il volto oscuro della luna
Lampi nel vespro
Califfi assatanati - Sonetto
Cerberi sui dorsi
Cammina insieme a me
Un amniotico rio
Ammaliati dall'ombra (Poeti)
Il Brunello e il Barolo
Piccola ape e subdola
Sono morto ribelle - Il canto del cigno
Al suq bisogna trattare sempre
La terra ora tace - Sonetto
Testimone dell'acqua
Sulla metrica ti rispondo per le rime - Sonetto
Labili confini
Terre senza voci
Cenere dei secoli
Chiose pungolanti poste in rima (sonetto doppio)
Ti cercherò mio Dio
Lo diceva il buon Pertini (sonetto)
La grande illusione
Taranto (lati)
Viaggio all'inferno
Terra di Sicilia
Anonimo
Ossa di lupi
Non ditemi di foibe (sonetto doppio)
Il taglio finale (the final cut)
Il menù dei demoni (la provocazione)
Gagliardo Abruzzo menzognero
Mio nonno!
Sotto i cieli di Ustica (Itavia - Volo 870)
Dignitosa - mente
Le mie radici (abruzzesi)
Ineccepibile
Datemi aceto rubicondo
Ti cerco... Poesia!
Poeti maledetti (sonetto doppio)
L'insubordinazione
Opachi sorrisi
Lapidi sulle sponde del fiume

Tutte le poesie

Terre delle Fragine
L’eco del vespro ...al mio paese
Camminando le sue orme
Utopìa - 17 marzo 1891
Ti cercherò mio Dio
Cammina insieme a me
Dove dimora l'aquila - il testamento
L’anima nel borgo
Le mie radici (abruzzesi)
Gagliardo Abruzzo menzognero
Il menù dei demoni (la provocazione)
Vita di borgo - l'ultimo atto
La Pieve di Fragine
Abruzzi... i monti ed il mare
Lapidi sulle sponde del fiume
Quando sfumerà il vermiglio
Mio nonno!
Ellis Island
Sogno sul mare del Vasto
La luce dell'alba sulla terra mia d'Abruzzo
Il tratto d'un popolo
Sguardi sbiaditi
Ossa di lupi
Le farchie
Qui nacqui in un freddo dicembre
Terre senza voci
Cenere dei secoli
Amarcord infinito
Testimone dell'acqua
Porti sepolti
Ritorno a Fraìne
Universo parallelo
Amico mio - diamo un calcio al pallone
Un amniotico rio
Autunno
Fraine... madre perfetta
Mi chiedo perché continuo a scrivere poesie
Questioni meridionali
Gli Uomini come Benjamin sono diversi
Migranti (seconda)
Cerberi sui dorsi
Stagioni sui colli d'Abruzzo
Materdomini (Il Santuario)
La befana - filastrocca
Rovi nei prati




Premio Scrivere 2012
Bestseller d’amore Amore (Potessi, con un gesto, rendere eterno questo nostro amore)
Morte dell’anima Poesia a tema libero
Nero di seppia Jim Morrison (La notte è un pozzo nero dove intingo inchiostro per le mie poesie)

Duilio Martino
 I suoi 1 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
I mulini di "Agnieroll" (31/12/2012)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
I mulini di "Agnieroll" (31/12/2012)

Il racconto più letto:
 
I mulini di "Agnieroll" (31/12/2012, 1046 letture)


 Le poesie di Duilio Martino



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it